Meccanismi sociali

“In God we trust; all others must bring data.” -W. Edwards Deming

Al parlamentar non far sapere…

Poichè la proprietà che ognuno ha del suo lavoro è il fondamento originario di ogni altra proprietà, essa è la più sacra e inviolabile. Il patrimonio di un povero sta nella forza e nella destrezza delle sue mani; e impedirgli di impiegare questa forza e destrezzza nella maniera che egli reputa opportuna senza ingiuria al suo vicino è una patente violazione della più sacra fra tutte le proprietà. E’ una manifesta usurpazione della giusta libertà tanto del lavoratore che di coloro che possono essere disposti ad assumerlo. E come impedisce all’uno di lavorare a ciò che ritiene conveniente, così impedisce agli altri di impegare coloro che essi ritengono capaci. Il giudizio su chi è idoneo a essere impiegato può con sicurezza essere affidato alla discrezione dei datori il cui interesse vi è tanto in gioco. L’ostentata preoccupazione del legislatore che essi possano assumere persone non idonee è evidentemente tanto inopportuna quanto oppressiva.

Adam Smith, La ricchezza delle nazioni, Lib. I, Cap. X, Parte II.

Difficilmente sarebbe possibile esprimere meglio o più succintamente i principi dell’etica liberale del lavoro. Rimaniamo in trepidante attesa di una tardiva epifania da parte del nocciolo duro dei noti liberioti de noantri.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: