Meccanismi sociali

“In God we trust; all others must bring data.” -W. Edwards Deming

Cambiare ragione sociale?

Importante articolo del Manifesto:

1. L’Italia ha dovuto inserire il pareggio di bilancio nella Costituzione. Le banche non hanno nessun vincolo del genere.

Questo perchè le imprese se non pareggiano prima o poi portano i libri in tribunale. Gli stati sovrani no. Possono inanellare deficit anno dopo anno. Ad libitum.

2. Per eludere i pochi accordi esistenti (vedi Basilea), le banche possono cartolarizzare i loro attivi e spostarli nel sistema bancario ombra. Basterebbe quindi spostare metà del debito pubblico italiano in un sistema statale ombra, per avere per magia un rapporto debito/Pil al 60% e rientrare nei parametri di Maastricht.

L’Italia ha messo sotto il tappeto il possibile per limare i parametri di Maastricht. Mai sentito parlare di CDP e spa pubbliche?

3. Prima ancora, mentre gli Stati si sono impegnati al 60% di rapporto debito/il, molte banche europee lavorano tranquillamente e da anni con leve finanziarie superiori anche a 40 a 1, ovvero con debiti che sono il 4.000% del loro patrimonio.

Il PIL non misura il patrimonio del paese Italia. Volendo, comunque, anche l’Italia può raggiungere una leva di 40 a 1. Magari prima o poi ci arriviamo.

4. Secondo le nuove regole europee, se l’Italia non rispetta gli impegni va punita e multata. Nessuna banca responsabile della crisi ha ad oggi pagato un euro di multa.

Nemmeno l’Italia ha mai pagato multe per eccesso di deficit.

5. Le banche hanno ricevuto liquidità illimitata all’1% dalla Bce. Gli Stati per finanziarsi devono rivolgersi ai mercati, ai tassi decisi dagli speculatori. Per statuto, la Bce non può aiutarli.

Eppure lo sta facendo. Presente lo SMP?

6. Non è solo la liquidità della Bce. Le banche in difficoltà vengono inondate di soldi. Quanti aiuti europei sono diretti a contrastare la disoccupazione o sostenere il welfare? Il vertice di fine giugno ha previsto 120 miliardi di euro per tutta l’Ue, in gran parte soldi già stanziati. Bruscolini rispetto alle migliaia di miliardi ricevuti dalle banche dal 2008 a oggi.

I fondi strutturali europei servono esattamente a questo. L’Italia ha potuto tranquillamente buttarli nel gabinetto.

7. Soldi, aiuti e piani di salvataggio per le banche arrivano senza nessuna condizione, né a bloccare la speculazione, né su cosa finanziare (ad esempio le rinnovabili e non i combustibili fossili). Nel caso (molto più raro e difficile) in cui gli Stati ottengano qualche aiuto, al contrario, questo arriva a condizioni durissime, com’è avvenuto in Grecia nei mesi scorsi.

I fondi strutturali arrivano senza particolari condizioni.

8. Le banche possono immettere nel sistema quantità illimitate di denaro, in particolare grazie ai derivati, che oggi rappresentano oltre il 70% del circolante. Agli Stati aderenti all’euro è proibita l’emissione di denaro.

Sheer nonsense.

9. Da mesi stiamo combattendo per abbattere lo spread e ridurre il tasso sui titoli di Stato. Le banche il tasso se lo fissano da sole, manipolandolo all’occorrenza (per informazioni, rivolgersi alla Barclays).

Anche l’Italia ha manipolato i tassi per più di un decennio. E’ bastato entrare nell’EURO.

10. L’unico obiettivo degli Stati è quello di dare fiducia ai mercati e di compiacerli. Al contrario banche e finanza non hanno nessun vincolo e nessun impegno verso governi o cittadini. Devono unicamente massimizzare i propri profitti.

L’Italia fortunatamente non massimizza il profitto ma la pressione fiscale, anche questo senza nessun impegno verso i cittadini. Apriamo una bottiglia.

Pare che il sistema Italia tutto sommato funzioni già da parecchio tempo come una banca 2B2F. Forse è questa l’idea di finanza pubblica congegnale al nostro Baranes. Dove sta la provocazione?

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: